Cantucci di semola Kronos con orzo tostato, pistacchi e cioccolato bianco

-
7 Commenti

E tu cosa vorresti essere per lei?
Vorrei che associasse a me la parola felicità, perlomeno per metà. Vorrei che visto che il lieto fine non c’è quasi mai lei sapesse che le regalerò sempre nuovi inizi.

– E cosa vorresti che fosse lei per te?
La sensazione per una volta, anche solo per un istante, di impercettibile pienezza. Quella in cui mi sembrerà di non riuscire a desiderare niente di più grande come lei e di aver bisogno del suo respiro come del mio per respirare. È questa la sensazione che la mia vita non mi ha ancora permesso di provare mai.

E soprattutto vorrei l’ostinazione di volerci ad ogni costo e di volerci ancor di più dopo esserci avuti. Perché è fino a che non smetti di sognare qualcuno anche dopo che lo hai nella realtà, è fino a quel momento che non lo perdi.

Massimo Bisotti

Vi lascio queste bellissime frasi, visto la ricorrenza che è prevista per domani, una festa alla quale sono sempre stata molto affezionata, un po’ perchè è il giorno del mio onomastico, un po’ perchè sono un’inguaribile romantica.

Ma quest’anno non sono granchè ispirata, sarà perchè è una festa che tocca più da vicino chi l’amore non ce l’ha, chi lo ha perso, chi si sente solo… il massimo che sono riuscita a produrre sono questi cantucci :/

 

1-DSC_0065.NEF

 

Facciamo così, lo vivrò come il giorno in cui si festeggiano semplicemente le persone che si vogliono bene, un giorno per smettere di dare per scontate tante cose, ci sono tante persone importanti nella mia vita…sarà questa l’occasione per ricordarmi di dirglielo!

 

Cantucci di semola Kronos con orzo tostato, pistacchi e cioccolato bianco

Cantucci di semola Kronos con orzo tostato, pistacchi e cioccolato bianco

La semola Kronos® è una miscela di semola e semola integrale biologiche ottenuta da un grano duro che si contraddistingue per l’alto contenuto proteico, per il colore giallo intenso, ma soprattutto per la tenacità del suo glutine, cioè la capacità di resistere alla cottura; per questo motivo è ideale per la produzione di pasta di alta qualità. La semola di Kronos® è anche indicata per la produzione di pane a lunga lievitazione, in quanto il pane risulta di colore giallo, fragrante, con crosta croccante e mollica alveolata. Ma ho scoperto che è ottima anche per frolle e biscotti rustici.

Ingredienti

  • 250 g di semola Kronos Qb
  • 90 g di burro
  • 175 g di zucchero di canna chiaro
  • 110 g di uova intere
  • 30 g di orzo tostato solubile
  • 5 g di lievito per dolci istantaneo
  • 75 g di gocce di cioccolato bianco
  • 100 g di pistacchi
  • vaniglia dalle bacche
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

  1. Scalda il forno a 160°C; distribuisci i pistacchi su una placca e falli tostare per qualche minuto.
  2. Versa la semola a fontana sulla spianatoia; unisci le uova, il lievito, l'orzo solubile, lo zucchero, la vaniglia ed il sale. Impasta bene il tutto fino a ottenere una pasta perfettamente liscia e omogenea, poi aggiungete i pistacchi ormai freddi e le gocce di cioccolato bianco, cercando di distribuirli in modo uniforme nella pasta.
  3. Con l’impasto ottenuto forma dei lunghi cilindri piuttosto sottili, perchè si allargheranno in cottura; mettili su una teglia coperta con carta da forno a 180°C e fai cuocere per circa 15 minuti.
  4. Sfornali, falli raffreddare e con dei tagli in senso diagonale ricava delle fettine di 1 cm di spessore. Ripassa i cantucci in forno, a 160°C, ancora per 25 minuti, in modo che risultino ben dorati e croccanti.
http://www.valentinavenuti.it/2015/02/cantucci-di-semola-kronos-con-orzo-tostato-pistacchi-e-cioccolato-bianco/

 

4-DSC_0039.NEF

Ci sono 7 commenti su Cantucci di semola Kronos con orzo tostato, pistacchi e cioccolato bianco

  1. Lou
    14 Febbraio 2015 alle 10:10 (7 anni fa)

    Carissima Valentina,
    pensa un po’ che questi cantucci tirati insieme così invece mi abbiano proprio colpita tantissimo e subito.
    Lo sai bene che non commento più molto e fatico a stare dietro ai social sicché prendila come una dimostrazione del fatto che sono molto molto validi, e ti dirò di più apprezzo molto di più la semplicità di questi fragranti cantucci di noiosi, barocchi, infiocchettati cuoricini.
    Perché mi sanno di amore vero.
    Quello che si sveglia la mattina accanto a te e ti guarda come se fossi Claudia Schiffer quando hai gli occhi gonfi ed i capelli da Strega Bacheca.
    E poco importa se questo amore qui ed ora non ce l’abbiamo, forse non tornerà, ma come dici tu è impagabile sentire attorno a sé l’abbraccio di chi ci vuole bene, sentire quel calore che ti fa capire che sei a casa.
    Ti mando un grande abbraccio in questa giornata uggiosa, sorridi o almeno provaci.

    Lou

    Rispondi
    • Valentina Venuti
      14 Febbraio 2015 alle 13:41 (7 anni fa)

      Sorrido sì cara amica, solo per il fatto che tu sia passata e mi abbia lasciato le tue parole, sono un caldo abbraccio, e perchè, avrò pure perso un amore, ma ho guadagnato tanto di più…ho fatto spazio e quel vuoto è riempito da persone speciali come te, che non se ne andranno mai! ♥

      Rispondi
  2. paola
    14 Febbraio 2015 alle 15:26 (7 anni fa)

    bellissimi,complimenti e grazie

    Rispondi
  3. zia consu
    15 Febbraio 2015 alle 10:18 (7 anni fa)

    Una ricetta originale e golosissima come solo tu sai fare, complimenti!

    Rispondi
  4. Isabel
    15 Febbraio 2015 alle 22:46 (7 anni fa)

    Ho lasciato i festeggiamenti nel mio passato di adolescente insieme al profumo di violetta. Io lo festeggio come si faceva tanto tempo fa in America: una “valentine” alle persone a cui si vuole bene (amici, parenti, figli, genitori…). One for you :)
    Mi piaccino i cantuccini perchè fanno parte della mia storia di vita. Mi piacciono i tuoi, perchè mi danno l’idea di essere croccanti al punto giusto,
    Ciao Isabel

    Rispondi
    • Valentina Venuti
      16 Febbraio 2015 alle 23:43 (7 anni fa)

      Grazie per la “valentine” Isabel, la prendo con grande piacere :)
      e peccato che tu non possa sgranocchiarne uno con me, sono davvero quasi difficili da mordere, come dovrebbero essere per essere intinti in un bicchiere di vin santo ;)
      un abbraccio cara

      Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Benvenuto e grazie di esserti fermato! Se ti fa piacere lascia qui un tuo commento, per me è importante sapere quello che pensi e se potrò ti risponderò volentieri o passerò a trovarti.