Articoli taggati con ‘Natale’

Il Pandolce genovese 2.0

-  1 Commento

Come è il mio Natale quest’anno? Così.   Penso alla credenza che hanno alcune culture che la fotografia catturi l’anima del soggetto fotografato. In realtà ne ruba l’essenza, cioè ne coglie il lato più intimo, i sentimenti più reconditi. Ma direi pure che la fotografia cattura l’anima del fotografo. Quando devo scattare una foto ad una ricetta ho bisogno di sentirmi coinvolta, non riesco a ricreare situazioni che non sento mie, quindi quest’anno cercavo tra le palline, e i nastri dorati, e i materiali sfavillanti […] Continua →

Il Pandolce genovese

-  11 Commenti

«I dinae son riöndi e s’arrigôan» I denari sono rotondi e rotolano. Voglio raccontarvi una storia che forse non avete mai sentito sul pandolce, un’ usanza natalizia genovese, ormai quasi dimenticata nella sua antica denominazione, quella del «dinâ da nuxe», cioè i denari della noce. Per Natale i negozianti erano soliti fare un piccolo omaggio a chi lavorava per loro ed ai loro clienti più affezionati, un gesto di riconoscenza, una sorta di premio fedeltà: il «dinâ da nuxe» dei panettieri era il dono di un […] Continua →

Pan Ficotto con grano arso, fichi caramellati e glassa al cioccolato fondente

-  4 Commenti

Come nasce una ricetta? Per me è un gioco di immaginazione. Chiudo gli occhi per un attimo, li riapro, tutti i sensi all’erta: in cucina gli odori mi parlano, mi sussurrano i loro amori o l’odio uno per l’altro, il bisogno di compagnia, di calore, a volte non riesco a liberarmi da queste sensazioni. Vi succede mai di non riuscire a togliervi dalla testa una canzone e di continuare a canticchiarla tutto il giorno? Come il cibo è caratterizzato dalla combinazione di cinque sapori […] Continua →

Il panettone piccino picciò

-  9 Commenti

  Solo duecentocinquanta grammi.   Duecentocinquanta grammi di leggerezza e sofficità.     Ora chiudete gli occhi.     Il sapore si rivela immediatamente con il profumo degli agrumi e della vaniglia, seguito dalla soda consistenza dell’arancia e dalla morbidezza dell’uvetta, per lasciare infine persistere la nota dell’ottimo burro di latteria. Ogni gusto presente, ben definito, solo appena intensificato dalla punta aromatica della lunga lievitazione.     Spero di aver reso l’idea. Questo è tutto ciò che è rimasto dopo le feste, […] Continua →

ChristStollen, il bambino in fasce

-  7 Commenti

Ebbene sì, non vi sarete per caso aspettati da me un panettone? Nooooo!!! Le ricette dei panettoni quest’anno sono veramente ovunque, al punto che incomincio a sentirne una leggera repulsione, complice il fatto che nell’ultimo mese nella mia cucina tra panettoni, veneziane e pandolci c’era sempre un qualcosa in fermentazione: in forno con la lucina accesa, in forno con la lucina spenta oppure vicino alla finestra, coperto, scoperto, sul piano di lavoro… Non posso nascondere che ne sono stata contagiata anche io […] Continua →

La mia Couronne Bordelaise…ed il viaggio ricomincia

-  7 Commenti

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il […] Continua →