Torchon di semola Kronos con noci e fichi secchi

-
5 Commenti

Non so perchè oggi ho voglia di parlarvi a cuore aperto, magari voi non vi aspettate che sotto la superficie calma che solitamente io mostro ci siano delle emozioni in tumulto, ma vi devo confidare una cosa: io spesso ho paura.

Ho paura che aver mollato ogni volta quello che facevo prima non sia una scelta giusta, anche se non andava più bene per me, perchè noi cambiamo e cambia anche tutto ciò che abbiamo intorno, e non può rimanere tutto immutato, bisogna adeguarsi di volta in volta.

Ho paura di una vita che mi entusiasma, ma non è tranquilla, sicura, prevedibile.
Non ho obiettivi in realtà, perchè non so esattamente dove sto andando, le prospettive si aprono strada facendo e devo essere pronta a coglierle.

Ho paura di annoiarvi con quello che scrivo qui, con i miei pensieri sparsi.

Soprattutto ho paura di non essere brava come pensate, perchè vedo che siete sempre di più a seguirmi e stimarmi e l’ultima cosa che vorrei è deludervi.

Allora ci sono dei momenti, quelli in cui la mia vita personale non mi regala la serenità che vorrei, in cui penso che non ce la farò.

Poi penso che c’è qualcosa che io temo più del fallimento: lo stallo. Sarà per questo motivo che quando mi trovo bloccata da qualche parte cambio strada, cerco comunque la mia destinazione che so esistere da qualche parte, perchè non c’è mai solo un’unica strada per arrivarci.

E penso anche che sto costruendo qualcosa di molto importante, l’autostima, che se si chiama così significa che non si trovo già bella e pronta ma te la devi costruire tu un mattoncino alla volta.

In fondo non devo dimostrare niente a nessuno se non a me stessa, ciò che conta è vivere ogni giorno sapendo di aver dato il massimo, esprimendo la mia unicità, confrontandomi solo con la persona che ero ieri, cercando di essere ogni giorno migliore.

Basta non arrendersi, mai! vero?

“La notte è sempre più buia prima dell’alba”

Vi lascio un mio esperimento fatto con la semola Kronos

DSC_0007

 

Torchon di semola Kronos con noci e fichi secchi

Se preferite potete anche omettere il lievito di birra allungando i tempi di lievitazione.

Ingredienti

    Per il poolish:
  • 100 g di semola Kronos Qb Molino Grassi
  • g 125 di acqua
  • 20 g di licoli rinfrescato
  • Per L'impasto:
  • g 850 di semola Kronos Qb Molino Grassi
  • g 625 di acqua
  • g 225 di poolish
  • g 5 di lievito di birra
  • g 20 di sale
  • g 180 di gherigli di noce
  • g 250 di fichi secchi morbidi tagliati a metà o in 4 parti

Istruzioni

  1. Preparare il poolish 10 - 12 ore prima e lasciate fermentare a 18 - 20°C.
  2. Mettete la farina, il poolish, il lievito ed il sale nell'impastatrice con 500 g di acqua e fate girare a bassa velocità 3 minuti facendo assorbire la restante acqua, finite di impastare aumentando la velocità per 4.5 minuti.
  3. Aggiungete adesso le noci ed i fichi e fate girare a bassa velocità quel tanto che basta per farli incorporare nell'impasto.
  4. Mettete a riposare per 2 ore in una ciotola unta con olio facendo una serie di pieghe dopo un'ora.
  5. Infarinate bene l'asse e rovesciate l'impasto, cospargete con abbondante farina e schiacciate delicatamente.
  6. Tagliate delle strisce larghe 10 cm che taglierete in rettangoli lunghi 20 cm.
  7. Prendete ciascun pezzo di pasta, stiratelo leggermente, torcetelo su sè stesso e mettete a lievitare su una teglia per 90 minuti.
  8. Cuocete in forno caldo a 210°C con vapore iniziale per 30 minuti e sportello a fessura negli ultimi 10 minuti.

Note

ll Kronos, originario dell'Arizona, è oggi coltivato in Italia in esclusiva dal Molino Grassi che si è proposto non di importarlo ma di seminarlo direttamente nel nostro paese e che tramite a collaborazione con istituti e tecnici qualificati è riuscito a creare coltivazioni di Kronos in condizioni ambientali diverse dal territorio d’origine, senza alterarne caratteristiche qualitative ed organolettiche. E' un grano duro caratterizzato oltre che dal sapore e colore giallo carico, da un elevato contenuto proteico (12,14%) e da una grande tenacità in cottura. Quindi ve lo consiglio per la pasta fresca, io ultimamente l'ho utilizzato per le lasagne da solo o tagliato con una farina 00, dipende dal risultato che volete ottenere, con condimenti più "robusti" ci sta benissimo pure una pasta rustica. Tenete presente che la farina Kronos Qb è una miscela di semola e semola integrale, quindi piuttosto ricca di fibre. Benissimo per pane, pizze e focacce, ma la presenza della semola integrale fa sì che se la panificate con lavorazione diretta, cioè con il solo utilizzo del lievito di birra, non dia grandi risultati: sembra quasi che ci sia della segatura nel pane, oltre ad uno spiccato retrogusto amarognolo. Quindi sì ad autolisi, lunghe lievitazioni, anche in frigo, bighe. E vi raccomando di usare acqua ad una temperatura piuttosto insolita, 30°C sia per la biga che per l'autolisi. Un'altra informazione utile è che questa farina è molto ricca di lieviti endogeni: miscelando la farina con acqua a 38 °C potete crearvi la vostra pasta madre di semola Kronos senza l'utilizzo di starter alcuno, seguendo il procedimento dei ripetuti rinfreschi.

http://www.valentinavenuti.it/2014/11/torchon-di-semola-kronos-con-noci-e-fichi-secchi/

 

DSC_0009

Ti potrebbero anche interessare:

Panini al farro con farina di castagne e noci
Un pane da condividere
Baguette con poolish di segale #wbd2014
La scarcella

Ci sono 5 commenti su Torchon di semola Kronos con noci e fichi secchi

  1. Giulietta | Alterkitchen
    7 novembre 2014 alle 9:56 (3 anni fa)

    Ho ricevuto la Kronos per il contest e, pur non avendo ancora avuto il tempo di provarla, a forza di vedere i tuoi esperimenti, me ne è venuta una gran voglia! Poi se mi fai un pane con fichi secchi e noci, praticamente hai creato il mio pane dei sogni!

    Rispondi
  2. paola
    7 novembre 2014 alle 15:23 (3 anni fa)

    io invece non partecipo e mi dispiace tanto anche perchè questo pane mi ha richiamato alla memoria quello che preparavano al mio paese,baci

    Rispondi
  3. Patrizia
    17 novembre 2014 alle 21:04 (3 anni fa)

    Che bello e che buono!

    Rispondi
  4. sandra
    19 novembre 2014 alle 14:47 (3 anni fa)

    per prima cosa ti dico che questo pane mi fa venire l’acqualina in bocca: con quei fichi dentro, ma stiamo scherzando?
    per seconda NON ti azzardare a dire che non sei brava, lo sei, parecchio PUNTO e BASTA. e questo per la tua autostima che va coltivata perchè merita di esprimersi, tu SEI speciale.
    per il resto sai come la penso, la vita è in continuo movimento, oggi bene domani male ma noi siamo animi agitati, anime inquiete, difficile trovare una stabilità, un fermezza. però siamo belle, dentro e tu anche fuori, però siamo dure e tenaci, però siamo intelligenti, però siamo amorevoli e amorose, però siamo UMANE. io non credo troppo a quelli che non sbagliano mai, a quelli che sono perfetti, devi solo piacerti per quello che sei: una gran bella donna e una gran bella persona. scusa se è poco.
    Sandra

    Rispondi
  5. Gianluca
    15 giugno 2015 alle 10:56 (2 anni fa)

    Pane strepitoso, mi toccherà seccare i fichi a settembre, sperando che il tempo lo permetta. Grazie per gli spunti e complimenti
    Saluti affettuosi
    Gianluca Milo

    Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Benvenuto e grazie di esserti fermato! Se ti fa piacere lascia qui un tuo commento, per me è importante sapere quello che pensi e se potrò ti risponderò volentieri o passerò a trovarti.