Tagliatelle alla barbabietola con ricotta, speck e asparagi

-
Nessun commento

Come sapete era da tempo che non aggiornavo più il blog, mi ero presa una pausa di riflessione, un periodo di tempo per pensare, un momento di stacco in cui ci si allontana e ci si osserva.
E spesso si vedono le cose in maniera più nitida.

Nella vita, così come nelle relazioni, le pause ci vogliono, dovrebbero essere un’abitudine, parte integrante della nostra vita, non vissute come un segnale di crisi, qualcosa che talvolta ci viene imposto e ci fa preoccupare, un campanello di allarme.

Un giorno senza fretta è il nome del blog di Barbara Baccarini da cui ho preso questa ricetta.

Un giorno senza fretta.

Non so più che cosa sia la fretta. Me ne sono dimenticata.

Vivevamo in un mondo che non ci consentiva di fermarci, altrimenti si rimaneva tagliati fuori, in una realtà di anticipazioni e aggiornamenti, dominata da una corsa asfissiante verso quel che sarebbe venuto dopo, nella quale il presente non bastava mai, costantemente proiettati nel futuro, dove non si lasciava nemmeno il tempo ai fatti di compiersi che già erano già stati diffusi.

Un mondo dove sarebbe stato essenziale fermarsi un attimo di tanto in tanto.
Ora ci siamo fermati del tutto. Il tempo si è come congelato.

Siamo costretti a vivere il presente perchè il futuro è incerto. E ci fa paura.

Fino a ieri il tempo impiegato a riflettere, a farsi domande era considerato un tempo improduttivo, cioè tempo perso perchè non produceva risultati tangibili. Adesso le nostre giornate semplicemente trascorrono, ci svegliamo al mattino e ci troviamo davanti una giornata vuota. Vuota di impegni, vuota di relazioni, una giornata in cui dobbiamo semplicemente arrivare a sera prendendoci cura di noi stessi e di chi ci sta vicino, nella riduzione drastica di desideri e sogni. Cosa che tanto semplice non lo è più, abbiamo disimparato a farlo.

La facilità delle comunicazioni ha cambiato il modo di relazionarsi prediligendo la quantità a senza tenere conto della qualità.
Ho sempre pensato che ci sentiamo troppo, ci scriviamo troppo, ci controlliamo troppo, il nostro modo di stare insieme è spesso solo virtuale, ma morboso, nevrotico, incessante, non ammette momenti di pausa. Pensate solo a quanti problemi scaturiscono dalle interpretazioni del silenzio altrui, dalle risposte non arrivate all’istante, dai più minuscoli segnali di assenza. E’ come vivere in una sorta di grande e interminabile diretta.
Ho sempre pensato che per starci vicini avremmo dovuto starcene un po’ più lontani e che per comunicare a livello più profondo avremmo dovuto sentirci un po’ meno.

Di certo non mi aveva mai sfiorato l’idea che saremmo stati condannati all’isolamento.

Forse occorreva questo per riscoprire alcuni valori dimenticati come la calma nel fare le cose, il valore della famiglia e della comunità, la lettura, il tempo passato in cucina, alternative allo status quo di prima che che impigriva e impoveriva l’intelligenza.

Siamo tornate a tirare la sfoglia, con cura e pazienza.

Un rito dimenticato di passaggio fra diverse generazioni che ho imparato guardando mia zia, la sorella di mia nonna, nelle lunghe pigre giornate estive quando da Genova andavo in villeggiatura a Sestri Levante. La mattina a casa a fare i compiti delle vacanze, il pomeriggio qualche ora al mare in bicicletta, la sera una passeggiata con il cane fino in fondo alla via e la domenica sera un “paciugo” alla gelateria Centrale.

Giorni senza fretta, appunto.

 

Tagliatelle alla barbabietola con speck e asparagi

Per 4 persone

Ingredienti

    Per le tagliatelle:
  • 260 g di farina
  • 50 g di uova
  • 80 g di succo di barbabietola*
  • 1 cucchiaio di olio extravergine
  • un pizzico di sale
  • Per il condimento:
  • 100 g di speck
  • 10-15 asparagi
  • 100 g di ricotta del Caseificio Val d'Aveto
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Preparazione

  1. Prepara le tagliatelle: versa la farina in una ciotola, crea una conca e versa al centro l'uovo, l'olio, il succo di barbabietola e il sale. Quindi sbatti con un forchetta e non appena lil liquido avrà assorbito un pò di farina, prosegui impastando a mano fino ad ottenere un impasto omogeneo. Continua a lavorare l'impasto su un ripiano leggermente infarinato per almeno 10-15 minuti fino ad ottenere una consistenza liscia ed elastica.
  2. Forma una palla e avvolgila nella pellicola trasparente.
  3. Lascia riposare l'impasto a temperatura ambiente per almeno 30 minuti.
  4. Dividi l'impasto in tre parti.
  5. Infarina bene una parte e appiattiscila, conserva nella pellicola le altre due porzioni così non si seccheranno.
  6. Posiziona la macchina tirapasta al massimo spessore e fai passare il panetto tra i rulli, poi ripiega i due lembi della sfoglia verso il centro per conferire una forma più regolare.
  7. Infarina nuovamente e ripassala tra i rulli, proseguiendo in questo modo più volte fino ad arrivare al penultimo spessore.
  8. Lascia asciugare le le sfoglie 5 minuti per lato.
  9. Taglia ciascuna striscia in due parti, infarina bene ciascuna parte e arrotola su sè stessa.
  10. Taglia il rotolo di pasta a fettine di circa 1/2 cm di spessore.
  11. Srotola le tagliatelle, quindi arrotolale attorno alle dita per creare un nido e adagialo sula spianatoia leggermente infarinata. Prosegui fino a terminare tutto l'impasto.
  12. Elimina la parte dura degli asparagi, lavali e cuoci a vapore, taglia a rondelle i gambi e tieni da parte le punte.
  13. Frulla i gambi con la ricotta, aggiungi sale e pepe.
  14. Porta a bollore una pentola con abbondante acqua salata e cuoci le tagliatelle.
  15. Scolale e conserva una tazza di acqua di cottura.
  16. Nel frattempo scalda un cucchiaio di olio in una padella e fai rosolare lo speck, aggiungi le tagliatele e lascia insaporire, aggiungi la crema di ricotta e manteca per un minuto aggiungendo se occorre un po' di acqua di cottura.

Note

*Ho ricavato il succo dalla barbabietola con l'estrattore, ma in mancanza di questo è possibile frullare la barbabietola molto finemente e passare poi il composto al setaccio.

http://www.valentinavenuti.it/2020/03/tagliatelle-barbabietola-ricotta-speck-asparagi/

Lascia qui il tuo commento

Benvenuto e grazie di esserti fermato! Se ti fa piacere lascia qui un tuo commento, per me è importante sapere quello che pensi e se potrò ti risponderò volentieri o passerò a trovarti.