Uova in camicia con agretti e crescenza

-
Nessun commento

Un’altra ricetta con un formaggio del Caseificio Vald’Aveto, questa volta la crescenza, che accompagna uova in camicia e agretti, una una verdura prelibata, che sa di primavera, compare infatti sul mercato solo per due mesi all’anno, dalla fine di marzo, per poi sparire a inizio maggio. Simile per aspetto all’erba cipollina, questa pianta ha foglie lunghe e filiformi di un verde brillante, un sapore leggermente acre ma consistenza tenera e succosa, un po’ simile allo spinacio, e fa particolarmente bene: rinfrescante, depurativa e leggermente tonica, è ricca di sali minerali.

Con un semplice uovo in camicia e la crema di crescenza, è cosa difficile da eguagliare in bontà, magari accompagnata una fetta di pane tostato…

La bollitura è tra i più antichi e tradizionali metodi di cottura degli alimenti, un metodo che ci regala cibi leggeri e che ci permette di mantenere e addirittura di esaltare i sapori, magari aggiungendo pochi altri ingredienti che moltiplicheranno il sapore del nostro piatto.

Ma va fatta a regola d’arte!

Per quanto riguarda l’uovo, dovete scegliere uva freschissime.

Per legge la scadenza è fissata entro 28 giorni dalla deposizione, ma per questa ricetta è opportuno utilizzare entro 7 giorni dall’imballaggio oppure il nono dalla deposizione (la confezione presenta la dicitura “Extra”). Come riconoscerle?
Rompete il guscio facendo molta attenzione, se ha un aspetto sodo, assolutamente tondeggiante e l’albume sarà ben compatto e concentrato vicino al tuorlo significa che è fresco. Se risulta piuttosto liquido, tendente all’ acquoso significa che non è affatto fresco.

Importante è che l’acqua sia a leggero bollore e che versiate l’uovo da una ciotolina con un movimento fluido, lasciandolo scivolare nell’acqua molto vicino alla sua superficie.

La cottura varia da 2 a 4 minuti, dipende dalle dimensioni dell’uovo, dalla temperatura – se l’avete appena tolto dal frigorifero impiegherà un tempo maggiore – e dal grado di cottura che desiderate.

Se avete difficoltà a cuocere l’uovo direttamente nell’acqua potrete sempre utilizzare il metodo di James Oliver, vi raccomando solo di utilizzare pellicola apposita adatta alla cottura!

 

Uova in camicia con agretti e crescenza

Ingredienti

    Per 4 persone:
  • 4 uova
  • 2 mazzetti di agretti (barba di frate)
  • Per la salsa:
  • 250 g di crescenza
  • 80 g di panna
  • Per decorare:
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • maggiorana tritata
  • sale e pepe
  • a piacere, noce moscata

Istruzioni

  1. Elimina dagli agretti la parte terminale con la radice e lavali bene.
  2. Sbollentali per pochi minuti in acqua salata, condiscili con olio, sale e poco succo di limone e disponili nei piatti individuali formando un “nido”.
  3. Nel frattempo prepara la salsa: a fuoco molto basso fai sciogliere la crescenza con la panna e tienila in caldo.
  4. Scalda in una pentola piuttosto alta e stretta abbondante acqua salata con un cucchiaino di sale ed uno di aceto e portala vicino al bollore. Mantieni questa temperatura a fuoco basso evitando che l’acqua arrivi a 100°C.
  5. Rompi un uovo in una ciotolina.
  6. Mescolando con un cucchiaio per creare un vortice nell’acqua, versa l’uovo delicatamente nel centro e continua a mescolare per 3 minuti, fino a quando si sarà rappreso l’albume, ma il tuorlo resterà ancora morbido. Scola delicatamente l’uovo con una schiumarola e depositalo sopra un foglio di carta da cucina per eliminare l’acqua in eccesso, poi disponilo sopra al nido di agretti. Ripeti con le altre uova.
  7. Versa sopra ciascun uovo la salsa alla crescenza, decora con i pinoli e la maggiorana, regola di sale ed a piacere aggiungi una spolverata di pepe o noce moscata.
http://www.valentinavenuti.it/2017/04/uova-in-camicia-con-agretti-e-crescenza/

 

 

Ti potrebbero anche interessare:

Panini con pasta madre e mini veg-burger di ceci
Pane in cassetta al latticello con farina di segale e farro spelta
Crostata di fichi con crema al mascarpone
Salame al cioccolato con castagne, gianduia e noci

Lascia qui il tuo commento

Benvenuto e grazie di esserti fermato! Se ti fa piacere lascia qui un tuo commento, per me è importante sapere quello che pensi e se potrò ti risponderò volentieri o passerò a trovarti.